Trasporto ferroviario: Regione Umbria e Trenitalia firmano nuovo contratto servizio

Trasporto ferroviario: Regione Umbria e Trenitalia firmano nuovo contratto servizio

Rilevanti investimenti per oltre 236 milioni di euro per il trasporto regionale per il rinnovo della flotta e ulteriore miglioramento delle performance di qualità a vantaggio dei pendolari; 12 nuovi elettrotreni per la circolazione sulla linea direttissima; rinnovo dell'80 per cento della flotta; più qualità del servizio. Sono questi in sintesi gli obiettivi del nuovo Contratto di Servizio Trenitalia/Regione Umbria, valido fino al 2032, sottoscritto oggi a Perugia da Catiuscia Marini, presidente Regione Umbria e Orazio Iacono, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia. Presenti all'evento Giuseppe Chianella, Assessore Trasporti Regione Umbria, Diego Zurli, Direttore trasporti e infrastrutture Regione Umbria, Maria Giaconia, Direttore Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia e Amelia Italiano, Direttore Regionale Umbria di Trenitalia. La durata quindicennale del contratto consentirà a Trenitalia di attivare il più rilevante programma di investimenti in treni mai realizzato in Umbria per oltre 236 milioni di euro da destinare al rinnovo di larga parte (fino all'80%) della flotta con l'acquisto di 12 nuovi treni, per circa 192 milioni, di cui 8,5 mln finanziati dalla Regione Umbria, e ulteriori 44 milioni di euro per revamping, manutenzione ciclica dei treni, informatica e tecnologia e interventi sugli impianti. Ad esempio il servizio di smartcaring, di prossima attivazione, consentirà a Trenitalia di avvisare i clienti sull'andamento dei servizi ferroviari abitualmente utilizzati, direttamente sullo smartphone. Servizi di informazione e assistenza alla clientela sempre più smart, così come la nuova versione dell'APP di Trenitalia che offre un ventaglio più ampio di funzioni come, ad esempio, stazioni geo localizzate, tabellone degli arrivi/partenze, impostazione viaggi preferiti e tanto altro. Con il nuovo Contratto e con i nuovi treni che inizieranno a circolare sui binari umbri, compresa la direttissima, a partire dal 2021 si realizzeranno significativi e immediati miglioramenti sui livelli di qualità del servizio a tutto vantaggio della qualità della vita dei pendolari. "Trenitalia ha in Umbria oltre 25 mila passeggeri al giorno e questo contratto – ha affermato l'AD di Trenitalia - si pone l'obiettivo di migliorare significativamente la qualità del servizio, a cominciare da quello per i pendolari. Un contratto che avrà una durata di quindici anni, un tempo utile per rinnovare tutta la flotta dei treni e offrire un servizio moderno e confortevole ai viaggiatori. Metteremo in atto un piano di investimenti che per numero e valore non ha, ad oggi, precedenti in tutta Italia. Si tratta di investimenti mai realizzati in Umbria in termini così significativi. Dunque, grazie a questo nuovo contratto si realizzeranno significativi miglioramenti del servizio a tutto vantaggio della qualità della vita dei pendolari e dei viaggiatori". "Questo contratto – ha affermato la presidente Marini - conferma e rafforza l'impegno della Regione verso il servizio ferroviario più importante per i nostri cittadini, sia quelli pendolari, sia i viaggiatori in genere che si muovono all'interno della regione ed all'esterno, pensando in maniera particolare alle esigenze del turismo. Un contratto inoltre, coerente con la scelta della Regione Umbria di migliorare profondamente il proprio servizio di trasporto ferroviario, grazie al miglioramento della qualità dei treni e del materiale rotabile. Tant'è che abbiamo voluto destinare più di otto milioni di euro del bilancio della Regione per l'acquisto di nuovi treni che non solo saranno più confortevoli, ma potranno anche viaggiare sulla linea direttissima. Ci saranno inoltre servizi aggiuntivi, come quello – molto importante – di poter portare le biciclette sui treni e questo agevolerà moltissimo il turismo, in particolar modo quello del cicloturismo che nella regione sta crescendo anche grazie alle tante piste e percorsi ciclabili realizzati. Inoltre, va sottolineato che, proprio grazie a questi investimenti, l'età' media dei treni scenderà dagli attuali 24 anni a 11 anni. E Il contratto prevede anche una ottimizzazione del servizio nel suo complesso. Dunque, un servizio di trasporto ferroviario che guarda al futuro". La presidente Marini ha colto l'occasione della firma del nuovo contratto di servizio per rivolgere anche un ringraziamento all'Amministratore delegato di FS, Renato Mazzoncini, per la positiva collaborazione che ha caratterizzato in questi anni i rapporti tra Regione Umbria e aziende del gruppo FS.

 

Trasporto ferroviario: Regione Umbria e Trenitalia firmano nuovo contratto servizio