Inizio anno scolastico: messaggio della Presidente

"Voglio augurare a tutti voi un buon lavoro per questo nuovo anno scolastico che vi attende": inizia così la lettera che la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, in occasione dell'avvio del nuovo anno scolastico ha inviato agli studenti e alle loro famiglie, al direttore e ai dirigenti scolastici, agli insegnanti, al  personale tecnico ed ai collaboratori della scuola. "Il primo giorno di scuola – prosegue Marini - è sempre un momento di incontro e di amicizia che introduce a giorni importanti,  a volte faticosi, altri allegri e appassionanti, gioiosi e a volte pesanti e duri.  La scuola con le sue molteplici esperienze didattiche, formative, di relazioni umane e di amicizia vi fornirà anno dopo anno una utile cassetta di attrezzi, fornendovi conoscenze, competenze, abilità, capacità.   Sarà anche un piacevole viaggio attraverso l'apprendimento della scrittura, della lettura, della capacità matematica, dell'abilita manuale ed artistica; viaggerete nel mondo affascinante della letteratura, della poesia e del romanzo, ripercorrerete la storia antica e quella contemporanea, sarete sorpresi dalla scienza e dalla natura,  scoprirete il mistero dei numeri e quanto la matematica influenzi la nostra vita quotidiana ed i suoi oggetti, sarete affascinati dalla grandezza dell'arte e della sua bellezza, scoprirete lingue antiche che ci aiutano ancora oggi a capire il mondo e lingue contemporanee che ci fanno dialogare nel mondo, sarete educati al pensiero filosofico e alle discipline tecniche e specialistiche, userete molte tecnologie informatiche e didattiche nella nuova scuola digitale, imparerete ad amare lo sport, l'attività fisica e l'educazione a corretti stili di vita.    Sarà un viaggio fatto anche di lavoro e fatica,  nell'ascolto e nel dialogo con gli insegnanti, nello studio singolo e in gruppo, nelle ore trascorse con libri cartacei e digitali, nel ripassare le lezioni e nell'imparare le singole materie.   Con voi ci saranno genitori, fratelli e sorelle, nonni e nonne, il vostro mondo di affetti familiari ed una comunità intera a supportarvi, sostenervi, incoraggiarvi, a volte aiutandovi nello studio e nei compiti". "La scuola – prosegue Marini - vi farà scoprire il vostro mondo fatto di ragazze e ragazzi che hanno abilità ed attitudini differenti, vi sarà insegnato ad essere tutti uguali pur essendo ciascuno diverso dall'altro, avrete compagni e compagne con genitori nati in Italia e altri con genitori provenienti da tanti Paesi del mondo che hanno lasciato per scelta, per bisogno, per spirito di iniziativa o di libertà. 
I vostri docenti saranno anch'essi l'uno diverso dall'altro, alcuni li ricorderete per sempre, e sapranno educarvi allo spirito critico, alla consapevolezza della forza dell'istruzione e della formazione in un mondo che avrà bisogno delle vostre conoscenze, competenze ma anche della creatività, della propensione all'innovazione e alla ricerca. Al Direttore scolastico regionale, ai Docenti ed a  tutto il personale della scuola confermo l'impegno, di questi anni, della Regione Umbria che ha messo al centro della sua azione di governo ed anche della programmazione finanziaria le risorse necessarie ad investire in maniera continuativa sull'edilizia scolastica, affiancando Comuni e Province, nel diritto allo studio sostenendo le famiglie soprattutto nelle fasce di reddito più basse, partecipando a tutte le iniziative di cambiamento che stanno investendo offerta formativa e didattica specie per la scuola digitale e le relative infrastrutture cittadine. Grazie al vostro lavoro e collaborazione – ha evidenziato la presidente - siamo la Regione italiana con la minore dispersione scolastica italiana, 10 punti sotto la media nazionale. Questo è un grande risultato sociale e culturale perché riusciamo concretamente ad includere tutti i giovani nei percorsi formativi". "Nei prossimi tre anni – ha aggiunto la presidente - circa 150 scuole dell'Umbria, a cominciare da quelle danneggiate dal sisma 2016, saranno oggetto di interventi di riqualificazione, adeguamento sismico, messa in sicurezza,  nuova costruzione. Io so quante responsabilità  vi assumete ogni giorno dirigendo le scuole, insegnando e lavorando all'interno delle Istituzioni scolastiche.
Troverete sempre la nostra attenzione e collaborazione, lo abbiamo sempre fatto in questi anni e continueremo a farlo, a volte con più capacità e rapidità, altre con difficoltà e ritardi ma sempre con la consapevolezza istituzionale della centralità del vostro ruolo ed anche della forza della vostra autonomia e libertà di insegnamento, sostenendo così la dignità culturale del Paese.
 Ai bambini e alle bambine del primo anno della scuola primaria – conclude Marini - auguro di iniziare questo viaggio straordinario ed impegnativo con la curiosità, la libertà, l'allegria, la voglia di scoperta di cui  tutti i bambini sono capaci.  La scuola vi renderà liberi ed uguali, come vuole la nostra bella Costituzione. Buon anno scolastico a tutti e tutte".